Garantire oggi – e domani – la migliore guest experience. Semplificare la gestione alberghiera, velocizzando talune attività e automatizzando altre. Ridurre i costi, aumentando le performance.

Stupire l’ospite con strumenti innovativi, ancora poco diffusi, per fare la differenza. Tutto questo è possibile, a patto di conoscere e di saper sfruttare i nuovi trend nella gestione dei servizi ricettivi attraverso strumenti digitali. Fino a qualche anno fa, restare al passo delle nuove tecnologie non era difficile. Oggi, nel pieno dell’era digitale, è necessario invece maggior impegno, per non farsi distanziare eccessivamente dai competitor più squisitamente pionieristici.

Quali sono, quindi, i trend tecnologici che si stanno affacciando sempre di più nel mondo della gestione alberghiera? Vediamoli brevemente, per poi sottolineare il ruolo cruciale del PMS per hotel.

I principali trend tecnologici per Hotel del 2020

L’Internet of Things è già una realtà in molte strutture alberghiere, che lo usano per le più disparate funzioni, dalla riduzione della potenza delle lampadine in base all’illuminazione naturale, fino al riscaldamento che si accende poco prima dell’entrata in stanza dell’ospite.

Altra innovazione che ha già fatto il suo ingresso nel settore è l’intelligenza artificiale, soprattutto attraverso chatbot online, che permettono di fornire risposte esatte ai clienti senza occupare il tempo del personale; C’è chi ha già fatto un passo in più, sfruttando l’intelligenza artificiale anche nella reception, per rispondere ai più classici quesiti degli ospiti. Non va trascurato, inoltre, l’arrivo sul mercato di Alexa for Hospitality di Amazon, dispositivo in grado di assistere gli ospiti direttamente in camera.

Fino a qui, comunque, niente di completamente nuovo. Si stanno però affacciando tante altre tecnologie interessanti: si parla infatti di riconoscimento facciale per velocizzare le operazioni di check out, o persino in sostituzione delle chiavi magnetiche.

Una famosa catena alberghiera ha già iniziato a offrire accessori per la realtà virtuale come intrattenimento per i propri ospiti, e non sembra lontano il momento in cui questa tecnologia potrà essere utilizzata anche per permettere ai clienti di vedere in anteprima le stanze attraverso tour virtuali a 360 gradi.

Non si possono dimenticare, infine, le grandi potenzialità delle app dedicate per alberghi, per permettere ai clienti di gestire al meglio il proprio soggiorno.

Per poter sfruttare le nuove tecnologie in modo efficace, però, è necessario poter contare su un gestionale alberghiero moderno, pratico e versatile. Ma come destreggiarsi tra i programmi di gestione alberghiera?

Guida alla scelta di un PMS per hotel

Partiamo dal significato di PMS: l’acronimo sta per Property Management System, e volendo dare una definizione intuitiva si potrebbe dire che si tratta di un software gestionale alberghiero in grado di aggregare in modo ordinato tutti i dati disponibili relativi alle varie aree dell’hotel.

Con un buon software PMS è dunque possibile gestire qualsiasi aspetto della struttura, dalle prenotazioni delle stanze fino a quelle per il ristorante, potendo contare sia su funzionalità di Channel Manager che su funzionalità di Booking Engine.

Il ruolo del PMS alberghiero è quello di velocizzare, di semplificare e di ottimizzare e di rendere più efficienti i processi, aumentando parallelamente le entrate grazie a una migliore pianificazione delle tariffe offerte e a una riduzione degli errori.

Non deve stupire, dati i presupposti, che per gli albergatori non sia affatto facile scegliere il software PMS per hotel perfetto: acquistando quello sbagliato – puntando magari ciecamente verso la soluzione più economica – si rischia infatti non di semplificare la gestione alberghiera, ma di renderla invece più complicata e più costosa.

Prima di acquistare un PMS alberghiero è dunque necessario controllare che questo sia perfettamente integrabile con gli altri software in uso, e che il programma di gestione alberghiera possa essere composto in base alle effettive esigenze della struttura.

Bisogna poi sincerarsi dell’usabilità del software, che deve essere semplice e intuitivo, nonché della presenza costante del servizio di assistenza: nessun albergatore, infatti, può permettersi di aspettare per giorni la risposta di un operatore.