Il processo di digitalizzazione, come è ormai noto, è un passaggio obbligato per tutte le aziende, grandi e piccole. Per questo motivo negli ultimi anni il governo ha deciso di mettere a disposizione degli importanti incentivi per le PMI, per l’acquisto di software, per l’acquisto di attrezzature e hardware nonché per la formazione interna.

In questo articolo faremo dunque un riassunto degli incentivi per la digitalizzazione delle PMI nel 2019, raccogliendo tutti i vari voucher previsti.

Il superammortamento per la digitalizzazione delle PMI

Come è noto, la legge di Bilancio 2019 ha confermato l’iperammortamento per tutti gli investimenti fatti per l’acquisto di beni materiali 4.0, prevedendo tre differenti aliquote agevolative.

Accanto all’iperammortamento è stato prorogato anche il superammortamento per l’acquisto di beni immateriali, che si rivolge a tutte le imprese che intendono acquistare software, piattaforme, applicazioni e sistemi IT in chiave Industria 4.0.

Questa agevolazione spetta automaticamente a tutte le imprese che usufruiscono dell’iperammortamento, a prescindere dalla correlazione o meno del bene materiale con quello immateriale. Si parla in ogni caso di una maggiorazione del 40%.

Incentivi acquisto software 2019: la Nuova Sabatini Ter

Oltre agli incentivi per la digitalizzazione previsti dall’iperammortamento, le PMI possono contare anche sulla Nuova Sabatini Ter, l’ormai noto finanziamento agevolato regolato dall’articolo 2 del decreto legge 69/2013.

Si tratta, in estrema sintesi, di un contributo concesso da parte del Ministero dello Sviluppo Economico a fronte di finanziamenti per un importo complessivo compreso tra i 20.000 euro e i 2 milioni di euro, che può essere frazionato tra più acquisti differenti.

I finanziamenti in oggetto possono essere erogati sia da banche che da società di leasing, e devono essere utilizzati per l’acquisto di macchinari, di impianti, di attrezzature, di hardware, di software e di tecnologie digitale di vario tipo.

Il bonus formazione 4.0

Non basta però avere i dispositivi e i programmi necessari: accanto agli incentivi per l’acquisto di software sono stati inseriti dunque anche i Bonus per la formazione 4.0, con un credito di imposta variabile in base alla dimensione dell’azienda.

  • 50% delle spese ammissibili per le piccole imprese
  • 40% per le medie imprese
  • le grandi imprese devono accontentarsi del 30%

Il limite massimo annuale, per le piccole e per le medie imprese, è di 300.000 euro.

Tra i voucher per la digitalizzazione delle PMI spiccano poi i contributi a fondo perduto per le aziende che intendono avvalersi delle prestazioni consulenziali di un Innovation manager, e in ogni caso di esperti volti a sostenere i processi di trasformazione tecnologica dell’impresa.

Per le piccole e medie imprese, questi voucher per la digitalizzazione possono coprire il 50% dei costi contenuti, senza oltrepassare, in ogni caso, il limite massimo annuo di 40.000 euro.


 

Vuoi sfruttare gli incentivi software per la tua azienda?

Scegli il software gestionale Infinity di Zucchetti